Tempo di lettura: 6 minuti

Perché Autovalutarsi per la sostenibilità

In un’epoca in cui la sostenibilità è al centro dell’agenda globale, le imprese di ogni dimensione sono chiamate a fare la loro parte. Per le PMI, l’autovalutazione non è solo un dovere etico, ma rappresenta anche un’opportunità strategica. Riconoscere e migliorare le proprie pratiche sostenibili può:

  1. Differenziare l’azienda sul mercato: In un contesto in cui i consumatori e i partner commerciali sono sempre più attenti alle questioni ambientali e sociali, un buon punteggio di sostenibilità può diventare un fattore distintivo.
  2. Anticipare le sfide normative: Con le regolamentazioni in materia di sostenibilità che diventano sempre più stringenti, essere proattivi nella propria valutazione aiuta a prevenire potenziali non conformità.
  3. Migliorare le relazioni con gli stakeholder: Dimostrare un impegno autentico verso la sostenibilità può rafforzare la fiducia con clienti, fornitori e la comunità locale.

Sfruttando strumenti adeguati, come la UNI/PdR 134, le PMI hanno l’opportunità di intraprendere un percorso di sostenibilità in modo semplice ed economico, evitando soluzioni complesse e costose che potrebbero non essere adatte alle loro esigenze specifiche. Nel seguito, illustreremo dettagliatamente lo schema di autovalutazione. Tuttavia, se sei pronto a buttarti e desideri subito autovalutarti e ottenere un rating, ti invitiamo a utilizzare il link presente alla fine del post.

Perchè Usare la UNI PdR 134 per avere un rating di Sostenibilità

La UNI/PdR 134 è un documento pubblicato dall’UNI nel 2022. Non si tratta di una norma nazionale, ma di una prassi di riferimento che fornisce indicazioni organizzative e operative alle piccole aziende (0-49 addetti) di tutti i settori produttivi per valutare la propria sostenibilità.

La prassi aiuta a calcolare e monitorare le prestazioni ESG (ambientali, sociali e di governance) e a comprendere il proprio contributo per raggiungere i 17 obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Le PMI possono scegliere questa prassi come riferimento per la propria autovalutazione di sostenibilità, in linea con il proprio impegno verso la sostenibilità e il contributo al raggiungimento degli obiettivi globali.

Come Effettuare l’autovalutazione per la sostenibilità

Il sistema di punteggio della UNI PdR 2022 prevede l’utilizzo di un questionario di autovalutazione, il cui risultato è suddiviso in 5 fasce: insufficiente, sufficiente, buono, ottimo ed eccellente.

Queste fasce rappresentano il livello di attenzione e impegno dell’impresa verso il tema della sostenibilità, in termini ambientali, sociali e di governance (ESG).

Prospetto 5  UNI PdR 134:2022- Fasce di punteggio del questionario di autovalutazione
FASCIA TOTALE RISPOSTE AFFERMATIVE LIVELLO DESCRIZIONE INDICATIVA 
126 o inferiore Insufficiente Sono completamente assenti obiettivi, politiche, pianificazione e forme di monitoraggio sulla sostenibilità. 
2tra 27 e 32 Sufficiente È presente la consapevolezza sul tema della sostenibilità. Si sono rilevati comportamenti sostenibili all’interno dell’impresa, ma senza una gestione formalizzata a livello di sistema. 
3tra 33 e 42 Buono Si è sviluppata una consapevole azione di indirizzo della sostenibilità in termini di politica, di obiettivi e di definizione dei piani di rilevazione dei dati. 
4tra 43 e 48 Ottimo Sono presenti politiche sulla sostenibilità, sono presenti obiettivi chiari e il piano di monitoraggio, mancano ancora alcuni punti per il raggiungimento un sistema completo di gestione dei temi della sostenibilità. 
5tra 49 e 52 Eccellente Sono presenti politiche sulla sostenibilità che riguardano l’intera organizzazione; sono attivi e aggiornati piani di miglioramento sviluppati sulla base di misure e indicatori quantitativi e con obiettivi chiari e condivisi con gli stakeholder. 

Il Rating in dettaglio

l questionario è strutturato in quattro parti, presentate nei prospetti da 1 a 4, ciascuna delle quali si integra con le altre.

Prospetto 1 – Domande legate ad ASPETTI GENERALI della sostenibilità

Le prime 12 domande  si concentrano sulla valutazione del livello di conoscenza e consapevolezza dell’importanza etica della sostenibilità nonché degli impegni già presi dall’azienda in questa direzione.

Prospetto 2 – Domande relative agli aspetti AMBIENTALI della SOSTENIBILITA’

La seconda sezione del questionario approfondisce la gestione delle risorse ambientali come l’uso consapevole ed efficiente di materie prime ed energia e la riduzione delle emissioni inquinanti.

Prospetto 3 – Domande relative agli ASPETTI SOCIALI di SOSTENIBILITA’

La terza sezione del questionario si concentra sulle questioni sociali, inclusi i modi in cui l’azienda valorizza le risorse umane, come la formazione e l’aggiornamento professionale, la qualità del lavoro e delle relazioni con i dipendenti, e contribuisce allo sviluppo della comunità locale. Questa sezione esamina anche la capacità dell’impresa di mantenere uno sviluppo economico nel tempo, comunicando il valore aggiunto generato e distribuito ai diversi portatori di interesse diretti e indiretti, compresi i processi di certificazione sociale come la SA8000.

Prospetto 4 – Domande relative agli aspetti di GOVERNANCE di SOSTENIBILITA’

La quarta parte del questionario è dedicata alle tematiche di Governance, che riguardano il modo in cui l’azienda monitora e controlla la coerenza dei propri comportamenti interni. Si valutano inoltre la disponibilità a introdurre procedure di trasparenza e rendicontazione, come ad esempio l’utilizzo di procedure di risk assessment, In questa sezione si considera anche l’adozione di criteri socio-ambientali nei processi decisionali aziendali.

SCOPRI IL TUO RATING ORA, GRATUITAMENTE!

Se ancora non vi siete misurati con la sostenibilità, vi proponiamo di farlo proprio ora!

Questo modulo di google vi consentirà, anche in modalità completamente anonima, di capire a quale fascia di sostenibilità appartiene la vostra azienda e dove è eventualmente necessario o opportuno intervenire.

Per assistenza anche all’uso dello strumento di Autovalutazione non esitate a contattarci via mail info@projectgroup.it