Strategia oceano blu


Reinventare il proprio business

La Strategia Oceano Blu è un approccio strutturato alla innovazione nelle organizzazioni. I suoi contenuti sviluppati negli anni 2000 da W. Chan Kim e Renée Mauborgne si fondano su di un’intuizione tanto semplice quanto incredibilmente difficile da perseguire: la necessità di superare l'attuale scenario, che vede le aziende adottare strategie di crescita basate esclusivamente sulla competitività, con l’unico risultato di generare complessità di prodotto crescente e marginalità sempre più ridotte.

La metafora che gli autori utilizzano per descrivere questo scenario è quella dell’oceano: da una parte un “oceano rosso” del sangue delle aziende in competizione diretta, dall’altra parte un “oceano blu”, uno spazio incontrastato dove le aziende che riescono a superare il trade-off “costo-valore percepito” possono liberamente sviluppare il proprio successo.


L’approccio si basa sull’osservazione che gli autori hanno fatto su di un gruppo di 150 imprese in oltre trenta settori merceologici, le quali hanno saputo sviluppare il proprio successo sulla differenziazione anziché sulla sconfitta dei concorrenti. In estrema sintesi la Strategia Oceano Blu identifica una metodologia per aiutare le aziende a:

  • 1.individuare le idee oceano blu;
  • 2.verificare il carattere innovativo dell’idea;
  • 3.verificarne l’utilità in tutto il ciclo di acquisto del prodotto/servizio
  • 4.conseguire il giusto equilibrio tra utilità-prezzo-costo.

Dal punto di vista operativo l’approccio si compone di 4 passi, non necessariamente da svilupparsi in sequenza, ma che ogni azienda interessata all’innovazione dovrebbe comunque considerare per rendere realmente efficace tale processo.


Il primo passo riguarda la riconsiderazione dei confini di mercato. Il secondo, la capacità di porre il “focus” sul quadro complessivo, evitando di dare ai numeri una importanza eccessiva. Il terzo passo è “estendere la dimensione dell’analisi oltre la domanda esistente”, cercando “fuori dagli schemi tradizionali” idee e progetti. Il quarto ed ultimo passo è costituito dal centrare la “giusta sequenza strategica”, vale a dire la capacità di formalizzare una sequenza e di mantenerla allineando tutte le risorse coinvolte nel suo ottenimento.



Project Group sa accompagnare le aziende in un percorso che le porti ad abbandonare i territori di battaglia con i competitor e ad esplorare i territori ancora vergini.